Si può fare il bagno dopo mangiato?

“Devi aspettare 3 ore per fare il bagno dopo mangiato, altrimenti rischi la congestione!”.

Quante volte al mare con la nostra mamma abbiamo sentito e risentito questa frase?

Fare il bagno subito dopo aver mangiato è un argomento che ha generato molte discussioni e confusione, anche oggi che siamo nel XX secolo.

Molti credono che fare il bagno subito dopo aver mangiato possa essere dannoso per la salute, mentre altri non vedono alcun problema.

In questo articolo cercherò di spiegarti semplici regole e accorgimenti per poter tranquillamente fare il bagno dopo mangiato in tutta tranquillità.

Entra nel mio SHOP

Accedi gratuitamente ai migliori rimedi naturali che funzionano davvero contro il mal di schiena, la cervicale, il benessere intestinale o altri disturbi comuni.

Fare il bagno dopo aver mangiato fa male?

La risposta alla domanda “Fare il bagno dopo mangiato fa male?” è negativa: non esistono prove scientifiche a riguardo.

Chiariamo subito, però, che l’avvertimento non è del tutto sbagliato: ogni attività fisica a stomaco pieno è sconsigliata perchè potrebbe rallentare la digestione.

Inoltre, non è errato affermare che il contatto con l’acqua fredda possa portare a un rallentamento della digestione, quello che in Italia viene chiamata erroneamente “congestione“.

In generale, non c’è nessun problema a fare il bagno subito dopo aver mangiato. Tuttavia è meglio aspettare un po’ prima di immergersi nell’acqua, soprattutto se è troppo fredda.

Questo perché subito dopo aver mangiato il sangue viene deviato dall’intestino verso lo stomaco per aiutare la digestione, e l’immersione in acqua troppo fredda potrebbe interferire con questo processo a causa della vasocostrizione.

Perchè non bisogna fare sforzi eccessivi dopo i pasti?

Dal momento in cui iniziamo a masticare si attivano nel nostro organismo una serie di reazioni chimiche e ormonali che preparano il campo alla digestione e all’assimilazione dei nutrienti.

La quantità media di sangue di un essere umano adulto va dai 5 ai 6 litri e varia soprattutto in base alla stazza dell’individuo.

Mentre mastichiamo, deglutiamo ed ingeriamo il nostro cibo il cervello invia una grande quantità di sangue a organi e visceri deputati alla digestione (stomaco, fegato, pancreas, intestino), causando di conseguenza una carenza ematica nei distretti che non vi partecipano, come ad esempio i muscoli perchè di solito siamo seduti o quanto meno fermi mentre mangiamo.

Detto ciò si capisce come uno sforzo muscolare prolungato dopo un pasto abbondante porterebbe più sangue ai muscoli, rallentando o bloccando il processo digestivo e causando ciò che chiamiamo impropriamente congestione.

si può fare il bagno dopo mangiato

La “congestione” esiste davvero?

E’ evidente, però, che la differenza la farà il tipo di attività fisica e di cibo ingerito: dopo un pasto abbondante non è il caso di fare a gara per vedere chi arriva prima alla boa, ma limitarsi a stare in acqua per difendersi dal caldo e non percorrere lunghe distanze da soli.

Attenzione

Per attività fisica non si intende necessariamente fare sport, ma anche una passeggiata a ritmo sostenuto, una corsetta nel parco o sbrigare le faccende domestiche.

E’ più corretto parlare di shock termico

La congestione è un mito tutto italiana insomma, un po’ come la cervicale.

Quello che in Italia chiamiamo congestione in realtà non è altro che uno shock termico.

Il contatto brusco tra viso/testa e acqua esageratamente fredda può scatenare una reazione nervosa riflessa che rallenta la frequenza cardiaca e abbassa la pressione arteriosa per cui, se il tutto dura più di qualche secondo, il cervello va in blocco fino alla perdita di coscienza e si può affogare anche in pochi centimetri di acqua.

In realtà quanto appena descritto è una situazione limite.

Anche se è vero che dopo un pasto aumenta l’afflusso di sangue nell’apparato gastroenterico, ciò non vuol dire che organi nobili come il cuore o il cervello ne vengano totalmente privati.

L’organismo umano è perfettamente in grado di compensare lo shock termico.

I tempi di digestione non sono universali ma dipendono dal tipo di cibo ingerito.

quanto bisogna aspettare per fare il bagno dopo mangiato

Quanto tempo bisogna aspettare per fare il bagno dopo aver mangiato?

La risposta è DIPENDE.

Non c’è un tempo massimo o minimo da attendere per fare il bagno dopo pranzo, perchè il tempo di digestione dipende dal tipo di alimenti ingeriti.

Ecco elencati alcuni tempi medi di permanenza dei cibi nello stomaco:

  • acqui e liquidi, circa 5 minuti
  • frutta, circa 30 minuti
  • verdura cruda, 30-40 minuti, quella cotta 45-50
  • carboidrati, quasi 1 ora
  • pesce, quasi 1 ora
  • latte scremato e formaggi freschi, 1 ora circa
  • formaggi stagionati, 4-5 ore
  • bistecca di manzo, 3-4 ore
  • bistecca di maiale, 5 ore

Quindi evita di portare la parmigiana di melanzane della nonna in spiaggia se non vuoi fare il bagno l’anno prossimo.

Qualche consiglio utile

Se l’acqua è eccessivamente fredda è sconsigliato tuffarsi di colpo; specialmente se si è accaldati l’immersione in acqua deve essere graduale. Per informazioni chiedere ai tuffatori che prima di ogni tuffo fanno una preventiva doccia fredda.

Anche se le principali cause di annegamento sono ben altre (mancata supervisione, alcool, droghe), il buon senso è il metro più utile per auto-regolarsi: se ci si sente appesantiti dopo aver mangiato è meglio aspettare ancora un po’ prima di tuffarsi.

Cosa mangiare in spiaggia o piscina

Per non incorrere in spiacevoli inconvenienti è necessario tenere a mente queste poche e semplici regole, evitando:

  • alcolici e droghe
  • pasti ricchi di grassi o proteine perchè allungano i tempi di digestione
  • masticare bene e fare bocconi piccoli aiuta la digestione
bagno dopo mangiato cosa mangiare
Evita cibi fritti, grassi perchè aumentano i tempi digestivi. Preferisci frutta e verdura.

Cosa fare in spiaggia o piscina

Per godersi il mare o la piscina in sicurezza esistono alcune precauzioni da prendere, onde evitare lo svilupparsi della congestione o di altri problemi.

Evitare:

  • di bagnarsi bruscamente
  • lunghi spostamenti a nuoto
  • di allontanarsi troppo se si è da soli

Lo sapevi che

Secondo molte stime circa il 70% delle morti per annegamento è correlato al consumo di alcool. 

Conclusioni

In conclusione, fare il bagno dopo aver mangiato non è pericoloso in sé, ma è meglio aspettare qualche minuto prima di immergersi nell’acqua (soprattutto se troppo fredda) per evitare problemi di digestione (congestione).

In ogni caso, è sempre importante ascoltare il proprio corpo e seguire le proprie sensazioni.

Alessandro la Torre

Specialista in Osteopatia, Posturologia e Terapia manuale.
Appassionato di alimentazione, salute e benessere.

Prenota | Mappa | Youtube | Linkedin | TikTok | Amazon Shop

Torna in alto